TRENTO, NUOVO SIT-IN ANIMALISTA CONTRO LA DETENZIONE DEGLI ORSI

TRENTO, NUOVO SIT-IN ANIMALISTA CONTRO LA DETENZIONE DEGLI ORSI

97
CONDIVIDI

Si è tenuto un nuovo sit-in animalista questa mattina davanti al palazzo della Provincia di Trento per protestare contro la detenzione degli orsi al Casteller. Come riporta Ansa tre attivisti travestiti da orsi si sono incatenati simbolicamente e sono intervenuti, rivolgendosi direttamente al vescovo, per chiedere la liberazione dei plantigradi. Alla segreteria della Provincia è stata poi consegnata una busta con il comunicato letto e la documentazione del progetto “M-orso”, avviato da alcuni agricoltori dell’altopiano di Asiago per la convivenza con gli orsi. “Assistiamo a una continua demonizzazione di questi animali, lo vediamo anche in questi giorni con l’esemplare avvistato in val di Non”, afferma la delegata di Oipa Ornella Dorigatti. “Ancora abbiamo una politica di prevenzione e programmazione assente. Siamo diventati lo zimbello del mondo per come li trattiamo. Gli orsi devono essere liberati”. Marco Ianes (Oipa) ha annunciato poi un nuovo ricorso di Enpa e Oipa per l’orso M57. “Triste che la politica non riesca a trovare soluzioni umane, da quando si è insediata questa giunta provinciale si sta calpestando la biodiversità”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti