TRASPORTO AGNELLI PER PASQUA, ASSOCIAZIONI: SITUAZIONE INACCETTABILE

TRASPORTO AGNELLI PER PASQUA, ASSOCIAZIONI: SITUAZIONE INACCETTABILE

97
CONDIVIDI

Nuove immagini raccolte dagli investigatori di Animal Welfare Foundation (AWF) e dalle Guardie Zoofile dell’Ente Nazionale protezione Animali (Enpa) e rilasciate in collaborazione con Animal Equality mostrano ancora una volta il dramma del trasporto di animali vivi, in particolare per gli agnelli in occasione delle festività. Negli ultimi giorni, a ridosso del periodo di Pasqua, AWF ed Enpa, con il supporto di Animal Equality, hanno seguito tre camion che trasportavano migliaia di agnelli di soli 2 o 4 mesi provenienti da Polonia e Romania.

L’investigazione delle organizzazioni si è svolto in collaborazione con tre europarlamentari  Tilly Metz, Caroline Roose e Thomas Waitz, membri della Commissione di inchiesta sul trasporto di animali vivi presso il Parlamento europeo, in Italia proprio per verificare le problematiche reali a cui questi animali vanno incontro.

Nelle immagini raccolte si vedono:

Animali in sovraffollamento e con la testa schiacciata sul soffitto dei camion;

Un agnellino con la zampa incastrata nel camion, inadeguato al loro trasporto e mai controllato dal guidatore, che dovrebbe invece ciclicamente verificare la situazione interna;

Sistemi di abbeveraggio non adeguati e non raggiungibili da tutti gli animali;

Agnelli disidratati e stremati per le condizioni di viaggio;

Camion senza lettiera e senza acqua né cibo per gli animali;

Uno degli autisti del camion proveniente dalla Polonia è stato fermato dalla polizia ed è stato sanzionato per oltre 1300€ per le condizioni inadeguate di trasporto, mentre un altro guidatore ha ammesso di non aver fornito acqua agli animali per tutta la durata del viaggio.

I camion hanno viaggiato per oltre 1700 km, arrivando a toccare quasi 30 ore di viaggio, in condizioni terribili e senza fornire cure adeguate agli animali. I camion sono diretti al macello ILCO di Acquapendente (VT) e verso Palo del Colle e la località di Badia Tedalda, in provincia di Arezzo, Toscana.

Ogni anno in Italia sono più di 2 milioni gli agnelli che vengono macellati per i consumi di carne, solo nel periodo pasquale ne vengono uccisi 300.000. Ad oggi, la maggior parte è importata attraverso le rotte dell’Est Europa, un lungo viaggio pieno di sofferenze per questi giovani animali, caricati sui camion inadeguati e non adatti al trasporto di questa specie, mentre spesso gli agnelli vengono trasportati senza essere stati svezzati.

«Questa non è la prima volta che denunciamo questa situazione, anzi. Sono ormai diversi anni che monitoriamo questa rotta di viaggio, una vera via crucis di sofferenza per gli agnelli che sono costretti a percorrere tutti questi chilometri in condizioni assolutamente inadeguate» dichiarano le associazioni. Il fatto che né le multe delle Forze dell’ordine, né le denunce ufficiali agli Stati membri responsabili e alla Commissione europea abbiano portato miglioramenti significativi mostra che esiste un problema generale di applicazione del regolamento (CE) n. 1/2005: bisogna cambiare i regolamenti per garantire davvero i diritti di questi animali e, dal momento che non si riesce a far rispettare le leggi, è necessario vietare, il prima possibile, il trasporto di animali vivi».

Commenti

commenti