TRENTO, LNDC GESTIRA’ PROGETTO ADOZIONI PER CANI DI ALTRE PROVINCE

TRENTO, LNDC GESTIRA’ PROGETTO ADOZIONI PER CANI DI ALTRE PROVINCE

273
CONDIVIDI

Per soddisfare le numerose richieste di adozione da parte della popolazione trentina, il canile di Trento ospiterà cani provenienti da altre strutture italiane. Il progetto – a quanto emerge da una nota del Comune di Trento – sarà gestito dalla Lega nazionale per la difesa del cane (Lndc), che si servira’ degli spazi della struttura cittadina al solo fine di alloggiare i cani di piccola o media taglia prima della consegna ai nuovi padroni. L’iniziativa nasce da un’esigenza emerse negli ultimi mesi da parte della cittadinanza, che si rivolge al canile alla ricerca di un cane da adottare. La mancata soddisfazione delle richieste porta gli utenti a rivolgersi altrove, comportando l’ingresso in Trentino di cani di provenienza non determinata (talvolta anche illegale), la mancanza di un controllo sullo stato di salute degli animali e il rischio di incompatibilità tra animale e famiglia di adozione, con conseguenti abbandoni. Il progetto sarà gestito interamente dai volontari della Lndc, che coprira’ con fondi propri le spese di trasporto, diaria giornaliera di stallo dell’animale ed eventuali cure sanitarie o vaccinazioni. Prima del trasferimento a Trento, i cani saranno visitati da un veterinario che documentera’ e certifichera’ il loro stato di salute.

Commenti

commenti