RAGUSA, BIMBI TAGLIANO LE ORECCHIE AL CANE. ENPA: DENUNCEREMO I GENITORI

RAGUSA, BIMBI TAGLIANO LE ORECCHIE AL CANE. ENPA: DENUNCEREMO I GENITORI

393
CONDIVIDI

Orrore e brutalità contro un cucciolo di cane randagio ad Acate, in provincia di Ragusa. Un gruppo di bambini tra i 9 e 10 anni ha tagliato le orecchie al cane, parte di una cucciolata di randagi. Un ragazzo che ha visto la scena ha avvisato le Forze dell’Ordine così Carabinieri e Polizia municipale sono arrivati sul posto. I bambini sono stati identificati mentre il cucciolo, poi ribattezzato Leone, è stato portato dal veterinario. Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa: “Denunceremo i genitori dei bambini. Non possiamo lasciare che simili atrocità restino impunite. Il cucciolo è stato maltrattato e colpito in modo barbaro ed efferato. Aveva il corpicino ricoperto di sangue. Innumerevoli studi confermano che violenze così efferate sono sintomo di pericolosità sociale ed è nostro dovere non voltarci dall’altra parte quando succedono fatti così gravi, ancor di più se coinvolgono bambini così piccoli. In un anno sono già tre i casi di violenza contro gli animali che hanno avuto come protagonisti i bambini. Ovviamente la responsabilità è dei genitori. Arriveremo fino in fondo a questa orribile storia! Vogliamo giustizia per Leone che è sopravvissuto con coraggio a queste barbarie”.

(Testo e foto Enpa)

Commenti

commenti