CAMUGNANO (BO), CANI DENUTRITI E MALATI: DENUNCIATA 64ENNE

CAMUGNANO (BO), CANI DENUTRITI E MALATI: DENUNCIATA 64ENNE

588
CONDIVIDI
canemaltrattato.jpg

Teneva in casa i corpi di cinque cani deceduti e altri sette gravemente denutriti e malati: per questa ragione una donna di 64 anni di Camugnano, paesino di 1800 abitanti sull’Appennino bolognese, è stata denunciata per maltrattamento di animali. Come riporta Ansa l’ispezione è stata fatta dalle guardie zoofile di Oipa Bologna, insieme alla polizia locale e ai veterinari dell’Ausl. I sette animali in vita sono stati tolti alla proprietaria, con un provvedimento di sequestro preventivo del Gip di Bologna Sandro Pecorella, e portati al canile comunale di Sasso Marconi. La donna è in cura per problemi di tipo psichico e non è nuova a vicende di questo tipo. Nel 2019, quando abitava in un altro comune del Bolognese, le erano stati sequestrati sei cani in seguito a una condanna sempre per maltrattamento. “Ma dopo un suo ricorso – ha spiegato in una intervista all’emittente E’tv Paolo Venturi, coordinatore regionale di Oipa – il Tribunale del Riesame le ha restituito i sei cani. Noi abbiamo dovuto riprenderli dagli affidatari giudiziali e riportarglieli, e tre di questi animali sono poi deceduti”. Tra i sette salvati dalle guardie zoofile ci sono esemplari di razza, tra cui un Golden Retriever, un Husky e due Labrador, trovati in condizioni ‘pietose’, con varie malattie e un peso anche della meta’ rispetto a quello medio per quel tipo di animali. “Tanti soggetti erano a conoscenza della situazione in cui vivevano questi cani a casa della signora, ma nessuno lo ha comunicato a chi di dovere” ha aggiunto Venturi, spiegando che gli accertamenti sulla vicenda proseguono. “In tanti anni che sono al canile, non avevo mai visto animali in queste condizioni di denutrizione” ha detto ancora a E’tv Anna Fiorani, presidente dell’associazione Il Vagabondo che gestisce il canile di Sasso Marconi. I sette cani salvati stanno guarendo e, al termine delle cure, potranno essere dati in affido.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti