USA, SPARA A UN ELEFANTE IN BOTSWANA, POLEMICHE SUL PRESIDENTE DELLA NRA

USA, SPARA A UN ELEFANTE IN BOTSWANA, POLEMICHE SUL PRESIDENTE DELLA NRA

578
CONDIVIDI

Ha sparato ripetutamente e in maniera maldestra a un elefante in Botswana: questa l’accusa che sta travolgendo Wayne LaPierre, presidente della National Rifle Association (NRA) degli Stati Uniti, la più importante lobby pro armi al mondo.

Come riporta Askanews il video, pubblicato per la prima volta dal New Yorker e da The Trace, risale al 2013. All’epoca non era illegale cacciare gli elefanti in Botswana, anche se da allora la caccia a questi animali è stata limitata.

Nel novembre dello scorso anno la Lista rossa delle specie minacciate di estinzione dell’Unione internazionale per la conservazione della natura ha incluso anche gli elefanti. Ingrid Newkirk, presidente del gruppo per i diritti degli animali  Peta ha condannato il filmato e ha chiesto al Congresso di tagliare i legami con l’NRA.

“Dietro l’atteggiamento maschilista dell’NRA ci sono piccoli uomini spaventati che pagano decine di migliaia di dollari perché qualcun altro rintracci gli elefanti in modo che possano sparargli in modo inetto a distanza ravvicinata”, ha detto in una dichiarazione.

Ma l’NRA ha difeso il filmato. Il portavoce Andrew Arulanandam ha affermato che è tutto è avvenuto “in conformità con tutte le norme e i regolamenti” e ha affermato che tali cacce avvantaggiano “la comunità locale e l’habitat”.

(Frame e video The New Yorker)

Commenti

commenti