COVID-19, GRUPPO STUDIOSI ALL’OMS: FARE CHIAREZZA SULLE ORIGINI

COVID-19, GRUPPO STUDIOSI ALL’OMS: FARE CHIAREZZA SULLE ORIGINI

296
CONDIVIDI

Una trentina di esponenti del mondo scientifico ha inviato una lettera al presidente all’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, per chiedere di fare chiarezza su alcuni punti dell’inchiesta condotta per far luce sulle origini del Covid-19. Come riporta Nova nel messaggio, spiega il quotidiano “Le Monde”, vengono sottolineate le difficoltà avute dal comitato che ha portato avanti i lavori, composto da esponenti cinesi e dell’Oms. Non tutte le informazioni sono state rese disponibili, mentre la missione si è spesso dovuta basare su informazioni fornite dalle autorità di Pechino. Dubbi già sollevati il 30 marzo scorso da un gruppo composto da 14 Paesi, tra cui Stati Uniti, Australia, Canada, Regno Unito. Oggi gli esperti mettono l’accento soprattutto sull’accesso ai dati dei primi malati di Covid-19 trovati a Wuhan e sui risultati delle analisi condotte sulla fauna locale, selvaggia e domestica. I firmatari della lettera si concentrano soprattutto sull’Istituto di virologia di Wuhan (Wiv), sostenendo che c’è stata una volontà di far sparire la base dati nel settembre del 2019, mentre i responsabili dell’Istituto sostengono che è stata tolta all’inizio della pandemia, nei primi mesi del 2020. Fondamentale, inoltre, il campionamento e l’analisi del virus ritenuto essere il più simile a quello SARS-CoV-2, ribattezzato RaTG13, prelevato da una miniera e conservato proprio dal Wiv.

Commenti

commenti