TONNELLATE DI CROCCHETTE, RIPARTE L’INIZIATIVA LEIDAA E LIDL

TONNELLATE DI CROCCHETTE, RIPARTE L’INIZIATIVA LEIDAA E LIDL

390
CONDIVIDI

Riparte, nel tempo difficile della pandemia che ha duramente colpito anche gli animali, l’iniziativa “Insieme per i nostri amici meno fortunati”, nata dalla collaborazione tra la Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, presieduta dall’on. Michela Vittoria Brambilla, e Lidl Italia, azienda leader della grande distribuzione italiana con oltre 680 punti vendita su tutto il territorio nazionale. Martedì 4 maggio Lidl ha consegnato all’associazione 18 tonnellate di crocchette per cani e gatti, destinate agli animali bisognosi dei canili e dei gattili e agli animali delle famiglie colpite dal Covid-19 che non possono più occuparsi dei loro beniamini a quattro zampe.

“La crisi economica, aggravata dall’emergenza sanitaria, incide indirettamente anche sugli animali, che rischiano, laddove la tensione è più forte, l’abbandono e la vita”, afferma l’on. Brambilla. “Da più di un anno – ricorda – LEIDAA, con le sue sezioni in tutta Italia e i suoi numerosi volontari attivisti, è al fianco delle famiglie che lottano contro il Covid per aiutarle a prendersi cura dei propri animali: “passeggiate” per i cani di persone malate o in quarantena, cani e gatti (e altri pet) presi in carico perché i proprietari non potevano occuparsene o non sono sopravvissuti, trasferimenti e adozioni, pasti e interventi sanitari donati agli animali di persone in difficoltà. A tutto ciò si aggiunge la nostra attività di contrasto all’abbandono ed al randagismo, per la salvaguardia ed il sostentamento di tanti animali che vivono sulle strade o nei canili, in particolare al sud. Perciò, ancora una volta, ringraziamo di cuore Lidl, di cui ben conosciamo la sensibilità sociale, perché ci consente di portare un aiuto concreto dove ce n’è più bisogno. Purtroppo, gli animali abbandonati non hanno casa, non hanno riparo dal freddo, dal caldo o dalle intemperie, per mangiare devono arrangiarsi come possono, magari mettendo sotto i denti una delle esche avvelenate che individui senza scrupoli seminano nei luoghi frequentati dai randagi. In un rifugio hanno più possibilità di sopravvivere, ma i costi di mantenimento sono elevati e c’è sempre bisogno di solidarietà”.

Eduardo Tursi, Amministratore Delegato Acquisti e Marketing di Lidl Italia aggiunge: “La pandemia in atto ha duramente colpito non solo le famiglie, ma anche i loro animali domestici. LEIDAA, che da sempre si impegna al fine di contrastare l’annoso problema del randagismo, si è trovata quindi a dover fronteggiare anche questa nuova tipologia di emergenza. Per questo motivo siamo molto lieti di poter offrire il nostro contributo a LEIDAA con questa ulteriore donazione per contrastare la crisi economica che coinvolge molte famiglie con animali e che, in questo particolare momento, assume un significato ancora più importante. Ringraziamo LEIDAA e tutti i suoi volontari per lo straordinario lavoro che svolgono a sostegno dei nostri amici a quattro zampe”.

Commenti

commenti