LUCITO (CB), TRACCE DI ORSO MARSICANO IN UN “LUOGO NUOVO” PER LA...

LUCITO (CB), TRACCE DI ORSO MARSICANO IN UN “LUOGO NUOVO” PER LA SPECIE

76
CONDIVIDI

Piste di orme riconducibili all’orso marsicano sono state rinvenute nelle campagne di Lucito, in provincia di Campobasso, in Molise. Lo riferisce l’associazione Salviamo l’Orso che parla di “un luogo piuttosto nuovo per la presenza della specie”. Grazie a una rete di contatti e alle evidenze fotografiche – riporta la onlus citata da Dire – “è stata attivata la Rete di Monitoraggio per l’orso marsicano Abruzzo e Molise che ha verificato le segnalazioni”. Se la notizia può sembrare piuttosto insolita per la geografia dei luoghi, “in realtà è la testimonianza che la popolazione di orso bruno marsicano, così rara e minacciata e presente solo in Appennino centrale, sta pian piano ampliando il proprio areale di distribuzione – segnala l’associazione – incoraggiante conseguenza del probabile aumento degli orsi nel corso degli ultimi anni”. In generale gli orsi hanno bisogno di grandi spazi per spostarsi da un’area all’altra per diverse ragioni: la ricerca del cibo, che varia a seconda della stagione, l’accoppiamento e quindi i maschi convergono dove si trovano le femmine, e il mantenimento del proprio territorio (soprattutto da parte dei maschi). In questa stagione, “l’orso che ha frequentato le campagne di Lucito potrebbe essere un maschio in ‘dispersione’, vale a dire un esemplare in cerca di nuovi territori idonei per la propria sopravvivenza, come un tempo facevano i Sanniti con le migrazioni del Ver Sacrum (primavera sacra)”, precisano da Salviamo l’Orso. L’associazione ricorda che gli orsi sono animali “onnivori, ma fortemente vegetariani”, infatti oltre l’80% della loro dieta è costituito da frutti e piante, “inoltre, sono animali opportunisti e quindi se hanno accesso facile al cibo sicuramente non perdono l’occasione”.

(Orso marsicano, foto di repertorio)

Commenti

commenti