Dedicato a Pluto

Dedicato a Pluto

91
CONDIVIDI

E’ stato per mesi l’incubo delle tante, tantissime persone generose che hanno adottato un cagnolino di Greenhill: potrò tenerlo? Non mi costringeranno a darlo indietro alla Marshall? Che succederà in Tribunale?
E’ incredibile che la serenità di tanti cuori generosi abbia dovuto convivere con questo filamento sottile di paura, la paura di essere costretti a dover restituire il piccolino, la piccolina – anche i cani adulti lo sono – che dal primo sguardo era entrato nella loro casa e nel loro cuore.
Abbiamo sempre rassicurato tutti e con argomenti fondati. Gli stessi che oggi, con il peso del loro valore, vedono la Marshall rinunciare in Tribunale alla richiesta di riavere indietro gli animali, la loro merce.
Va detto che, sia pure con l’inquietudine che potesse esistere una pur remota possibilità che gli animali venissero ridati indietro, nessuna, dico nessuna delle persone, delle famiglie ha voluto considerare realizzabile tale eventualità.
Tutti loro pronti, con la determinazione che viene dalla ragione e dal sentimento, a difendere in ogni modo e ad ogni costo il diritto di tenere con sé per sempre quella creaturina che si era affidata a loro con la fiducia della sua innocenza.
Tutti noi pronti a difendere in ogni sede, con ogni mezzo e con la determinazione più assoluta, questo diritto fortissimo e semplice: vivere insieme, essere insieme per sempre.
Per tutti loro, persone e animali, per tutti noi che abbiamo vissuto insieme la più fantastica delle avventure – la più grande liberazione legale di massa di animali destinati alla vivisezione – questo giorno non scandisce un pur importantissimo evento di cronaca: questo giorno si iscrive per sempre nella storia del movimento animalista e ne segna un passaggio irreversibile.
Dedicato a Pluto. Lui sa perché.

Commenti

commenti