ENPA-PROLIFE: AL VIA CAMPAGNA “DONA UN PASTO AGLI ANIMALI ABBANDONATI”

ENPA-PROLIFE: AL VIA CAMPAGNA “DONA UN PASTO AGLI ANIMALI ABBANDONATI”

100
CONDIVIDI

Con l’inizio vero e proprio dell’estate torna l’allarme per l’abbandono degli animali da compagnia. Nonostante per la maggior parte degli italiani gli animali domestici facciano ormai parte della famiglia, sono ancora troppi i casi di abbandono ogni anno. I segnali che arrivano dalle Sezioni Enpa sul territorio nazionale sono infatti preoccupanti: nel mese di giugno sono aumentate del 17% le cessioni di animali rispetto allo scorso anno e del 60% l’abbandono dei gatti. Tra le cause principali: la morte dei proprietari anziani e nessun parente disposto a prendersi cura dell’animale, il ricovero dei proprietari e le cessioni dovute all’aggressività dell’animale.

Per questo l’azienda di pet food Prolife ha deciso di sostenere l’Ente Nazionale Protezione Animali, da sempre in prima linea nella lotta contro l’abbandono, con la campagna “Dona un pasto per gli animali vittime di abbandono”. Dal 1 luglio 2021 e fino a tutto settembre 2021, acquistando i prodotti Prolife Dog si potranno sostenere i pet abbandonati: per ogni sacco di cibo acquistato verrà donato un pasto a un cane ospite di un rifugio Enpa.

“Il sostegno di iniziative come questa – afferma Carla Rocchi, Presidente Nazionale Enpa – rappresenta un aiuto fondamentale per i tanti volontari che ogni giorno si occupano dei cani abbandonati o ceduti nei nostri rifugi. E’ un supporto fondamentale che va ad aiutare i cani che da un momento all’altro si ritrovano senza una cuccia, senza una ciotola e senza una famiglia”.

La campagna “Dona un pasto per gli animali vittime di abbandono” sancisce anche la partnership tra ENPA e Prolife, che del benessere dei nostri amici a quattro zampe ha fatto la propria mission e ha deciso di sostenere l’attività dell’associazione. Prolife è una gamma di alimenti di alta qualità, prodotti in Italia, cruelty free, ottenuti dalle migliori materie prime prevalentemente provenienti dalle nostre regioni, per valorizzarne le pregiate eccellenze e ridurre l’impatto ambientale. Per garantire la massima trasparenza è possibile conoscere l’origine di tutti gli ingredienti di ogni alimento tramite il QR code stampigliato sulle confezioni.

Commenti

commenti