ENEA: MONITORAGGIO DELLE MICROPLASTICHE NEI LAGHI ITALIANI

ENEA: MONITORAGGIO DELLE MICROPLASTICHE NEI LAGHI ITALIANI

83
CONDIVIDI

Campionare, analizzare e monitorare la presenza di microplastiche nei laghi. Questo – riporta Agi – quanto propongono i ricercatori di Enea che, fino al 13 luglio, saranno impegnati nei laghi Maggiore, Como e Garda nella seconda fase del progetto Life Blue Lakes, coordinato da Legambiente, che prevede oltre all’attività di monitoraggio delle microplastiche anche il trasferimento dei dati alle istituzioni preposte alla salvaguardia ambientale e l’avvio di azioni dimostrative e di confronto con le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA). Secondo gli ultimi dati dell’Enea, le particelle di plastica inferiori a 5 millimetri minacciano sempre di più i laghi italiani: nei bacini Maggiore, Como e Garda, monitorati dal 2016 al 2019, le concentrazioni delle microplastiche variano da 10mila a 230mila particelle/km2. In tutti questi laghi è risultata prevalente la presenza di frammenti e filamenti di polietilene (PE), polipropilene (PP) e polistirene (PS).

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti