EUROPA, STUDIO: MILIARDI DI EURO DI DANNI DA SPECIE ALIENE “INVASIVE”

EUROPA, STUDIO: MILIARDI DI EURO DI DANNI DA SPECIE ALIENE “INVASIVE”

235
CONDIVIDI
rattus_norvegicus_1.jpg

Il ratto, l’ambrosia comune (Ambrosia artemisiifolia), il coniglio selvatico, la piralide del frassino smeraldo e la specie di vermi piatti Gyrodactylus salaris: sono animali diversissimi eppure hanno qualcosa in comune, ovvero il fatto di essere specie “invasive” non originarie dell’Europa. “I soli ratti hanno causato costi di circa 5,5 miliardi di euro nella regione europea in 60 anni”, spiega il dott. Phillip J. Haubrock – riportato da Agi – della sede di Gelnhausen dell’Istituto di ricerca Senckenberg e il Museo di storia naturale di Francoforte. Haubrock e un team internazionale di ricercatori hanno esaminato da vicino i danni e i costi causati dalle specie non autoctone in Europa e Germania. I loro calcoli si basano sul database InvaCost, che registra una valutazione globale del danno economico causato dalle specie aliene.

(Rattus norvegicus, una delle specie “invasive” in foto di repertorio)

Commenti

commenti