CLIMA, BALESTRA (RIPARTE ITALIA): PROTEZIONE NON PIÙ RINVIABILE

CLIMA, BALESTRA (RIPARTE ITALIA): PROTEZIONE NON PIÙ RINVIABILE

152
CONDIVIDI
climasecco.png

“Nell’impiego del vocabolo ‘transizione’ si cela la volontà di provocare un cambiamento, un passaggio da un modo di vita ad un altro. Il che denuncia, già da sé, l’insostenibilità della situazione ambientale ereditata, frutto di scelte politiche, perpetuate nel corso dei decenni, totalmente incuranti di ogni possibile implicazione sul piano dell’impatto ambientale; decisioni accompagnate da una tendenza alla ricerca esasperata del profitto imprenditoriale, in spregio ai fondamentali valori su cui fa perno l’etica della responsabilità”. Come riporta Adnkronos sono queste le parole dell’intervento che il professor Luigi Balestra, Presidente dell’Osservatorio Riparte l’Italia e Vice Presidente del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti, ha pubblicato questa mattina sulla priorità assoluta e ormai indifferibile da dare alla questione ambientale. L’intervento punta a mettere in evidenza le grida d’allarme sul clima, a partire dal nuovo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) dell’Onu, pubblicato il 9 agosto: “Nel rapporto si pone in luce, tra l’altro, come i disastrosi fenomeni meteorologici in atto siano senza precedenti, nonché causalmente imputabili alle attività umane; di talché il messaggio è chiaro: occorre por fine, senza ulteriori dilazioni, a una serie di atteggiamenti del passato, fatti di esitazioni e di indugi, di logiche permeate da compromessi”. Da un lato bisogna avere la consapevolezza che “le scelte di business, poste in essere da uomini singoli, incidono sullo sviluppo, sulla prosperità e sul benessere (anche sotto il profilo della salute) di un’intera collettività», dall’altro purtroppo è innegabile che l’attuale situazione «è stata in qualche modo agevolata – è bene esprimere al riguardo un forte sentimento di denuncia – da un’insensibilità e da un’incultura riscontrabili in larghe frange della comunità degli individui”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti