KENYA, CENSIMENTO DELLA FAUNA: SUCCESSO CONTRO IL BRACCONAGGIO

KENYA, CENSIMENTO DELLA FAUNA: SUCCESSO CONTRO IL BRACCONAGGIO

629
CONDIVIDI
africa soldato.jpg

Censimento della fauna selvatica che dimostra il successo degli sforzi profusi dal paese contro il bracconaggio: come riportano Ansa-Afp è quello che ha pubblicato il Kenya che vanta un totale di 36.280 elefanti, con un incremento del 12 per cento rispetto ai dati del 2014, quando il reato del bracconaggio ha toccato il suo picco. “Gli sforzi per aumentare le sanzioni contro i reati legati alle specie minacciate sembrano dare i loro frutti”, dice il report, che prende in considerazione 30 specie di animali e quasi il 59 per cento del territorio keniota. Il censimento rivela anche un aumento del numero di leoni, zebre, antilopi e di tre specie di giraffe, ma non fornisce dati di raffronto con gli anni precedenti. L’indagine, fatta con finanziamenti pubblici, ha conteggiato anche 1.739 rinoceronti tra i quali due bianchi del Nord, 897 neri a rischio di estinzione e 840 bianchi del Sud, aggiungendo che la riserva nazionale di Masai Mara ospita quasi 40 mila gnu. “Ottenere questo livello di informazione permette una migliore linea di condotta, di pianificazione e di valutazione delle aree che richiedono un focus dei nostri interventi per mantenere o migliorare i nostri sforzi di tutela nazionale”, ha detto nel report Najib Balala, ministro della fauna selvatica. “La riduzione delle perdite di elefanti, rinoceronti e altre specie minacciate si deve al grande lavoro di Kenya wildlife service (agenzia pubblica keniota per la fauna selvatica), a quello che i suoi funzionari e uomini stanno facendo”, ha dichiarato il presidente del Paese, Uhuru Kenyatta, a commento degli esiti dell’indagine.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti