MAR MEDITERRANEO, WWF: RUMORE ANTROPICO DELETERIO PER I CETACEI

MAR MEDITERRANEO, WWF: RUMORE ANTROPICO DELETERIO PER I CETACEI

171
CONDIVIDI
balena.jpg

Gli abitanti del mare sono minacciati non solo dalla presenza di rifiuti e microplastiche ma anche dai rumori provocati dalle attività dell’uomo. L’inquinamento acustico – riporta Askanews citando Wwf – è diventata un’emergenza da regolamentare al più presto, perché a farne le spese sono i cetacei, animali ‘acustici’ per eccellenza, che già versano in critiche condizioni di conservazione secondo la IUCN, che include tutte e 8 le specie presenti in Mediterraneo tra le categorie ‘data deficient’ (per le quali le informazioni sono insufficienti), vulnerabile (capodoglio, balenottera comune) e in pericolo, come il delfino comune, che a dispetto del nome è classificato ‘endangered’. È quanto emerge dal nuovo report del WWF ‘Rumore antropico nel mare, sopportabile per l’uomo, deleterio per i cetacei’, con il quale l’Associazione chiede alle istituzioni misure urgenti per normare e ridurre le emissioni sonore di origine antropica nel ‘Mare nostrum’, vero e proprio ‘hotspot’ di biodiversità per i cetacei. I cetacei sono mammiferi marini che dipendono fortemente dalla comunicazione sonora e l’inquinamento acustico derivante da traffico nautico, indagini sismiche, sonar, sfruttamento di giacimenti di olio e gas, impianti eolici offshore provoca purtroppo conseguente gravi su balene, delfini e altri mammiferi marini’ si legge nel report. L’esposizione al rumore può produrre un’ampia gamma di effetti negativi sui mammiferi marini, dal forzato abbandono dell’area alla perdita di sensibilità uditiva come conseguenza di traumi acustici, che dipendono poi dalla durata e dall’intensità dell’esposizione.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti