G20: OGNI ANNO SPRECATO 1 MILIARDO DI TONNELLATE DI CIBO

G20: OGNI ANNO SPRECATO 1 MILIARDO DI TONNELLATE DI CIBO

210
CONDIVIDI

Quasi un miliardo di tonnellate di cibo, pari al 17% di tutto quello prodotto con un’impatto terribile su ambiente, clima e con una vera e propria beffa verso quei paesi dove ancora si muore di fame. Questi – riporta Ansa – i dati Onu analizzati da Coldiretti in occasione del G20 di Firenze dove proprio lo spreco è uno dei grandi temi al centro del summit. A guidare la classifica degli sprechi sono le abitazioni private, dove si butta mediamente circa l’11% del cibo acquistato, mentre mense e rivenditori ne gettano rispettivamente il 5% e il 2%; un paradosso se si considera che 2,37 miliardi le persone non hanno avuto accesso a un’alimentazione sana nel 2020. Ma il fenomeno determina anche effetti sulla sostenibilità, visto che le emissioni associate allo spreco rappresentino l’8-10% del totale dei gas serra. Nelle case italiane si gettano mediamente ogni anno 67 kg di cibo per abitante, per un totale di oltre 4 milioni di tonnellate. Il Belpaese è al dodicesimo posto della classifica degli “spreconi” nel G20 che vede in testa gli sceicchi dell’Arabia Saudita con 105 kg, davanti ad Australia con 102 chili e al Messico con 94 chili, mentre i più virtuosi sono russi (appena 33 chili di cibo buttato), sudafricani (40 chili) e indiani (50 chili). Ma se si considerano solo le nazioni dell’Ue i cittadini del Belpaese sono più responsabili dei francesi che in un anno gettano alimentari per 85 chili a testa e tedeschi (75 kg), mentre gli inglesi sono a quota 77 kg.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti