NEW YORK, CANDIDATO REPUBBLICANO NON PUÒ VOTARE COL PROPRIO GATTO

NEW YORK, CANDIDATO REPUBBLICANO NON PUÒ VOTARE COL PROPRIO GATTO

159
CONDIVIDI

Impegnato in un duello senza speranza con Eric Adams, il candidato sindaco repubblicano di New York, Curtis Sliwa, è stato fermato mentre cercava di entrare nel suo seggio elettorale con il suo gatto Gizmo. Come riportano Adnkronos/Washington Post lo ha reso noto lui stesso pubblicando la foto del suo seggio, nell’Upper West Side, con la scritta “no pet”, no animali domestici. “E’ in tutti i seggi o solo nel nostro? Interessante…”, aggiunge il fondatore dei Guardian Angels, associazione volontari che pattugliano la metro di New York in funzione anti crimine, che è anche un grande amante degli animali, e con 16 gatti nel suo piccolo appartamento newyorkese. Secondo i reporter del New York Times, gli scrutatori avrebbero chiesto a Sliwa anche di togliersi la giacca rossa, che insieme al basco rosso della divisa del Guardian il repubblicano ha indossato per tutta la campagna, considerata un simbolo elettorale. Ma Sliwa si sarebbe rifiutato di farlo. Nelle elezioni di oggi è ampiamente prevista la vittoria dell’ex poliziotto Adams, destinato a diventare il secondo sindaco afroamericano di New York.

Commenti

commenti