DANNI CINGHIALI, CORTE APPELLO: COLPA ANCHE DEI DANNEGGIATI “INADEMPIENTI”

DANNI CINGHIALI, CORTE APPELLO: COLPA ANCHE DEI DANNEGGIATI “INADEMPIENTI”

270
CONDIVIDI
cinghiali.png

Anche i proprietari dei terreni che non adottano le idonee misure di prevenzione sono responsabili dei danni dei cinghiali. Come riporta Ansa è questo il principio stabilito dalla terza sezione civile della corte d’appello di Palermo. Il proprietario di un terreno che produce mele aveva citato l’Ente Parco delle Madonie dopo che i cinghiali avevano distrutto decine di alberi. In primo grado il tribunale di Termini Imerese aveva ritenuto fondata la richiesta di risarcimento. In appello l’esito della controversia è stato ribaltato: è stato infatti riconosciuto un concorso di colpa del danneggiato che avrebbe dovuto adottare le cautele necessarie. Decisiva per la decisione dei giudici è stata la mancanza di recinzioni e di barriere fisiche che “avrebbero scoraggiato le incursioni dei cinghiali”. Secondo la corte d’appello l’azienda avrebbe dovuto “porre in essere tutte quelle precauzioni atte a prevenire l’invasione del proprio fondo da quegli animali e conseguentemente a evitare il rischio di subire il danneggiamento delle colture ivi esistenti”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti