CINGOLANI: AL LAVORO SU UN PIANO NAZIONALE GESTIONE DEL LUPO

CINGOLANI: AL LAVORO SU UN PIANO NAZIONALE GESTIONE DEL LUPO

47
CONDIVIDI
lupo.jpg

L’ultima versione del piano nazionale di conservazione e gestione del lupo in Italia “non ha visto il raggiungimento di un accordo”, quindi il piano è stato rimesso al Mite (Ministero della Transizione ecologica) che “ha continuato a lavorare sul tema al fine di trovare un possibile accordo”. Con queste parole – riporta Adnkronos – il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani ha risposto alla Camera a una interrogazione sulle iniziative in relazione agli effetti causati dalla diffusione del lupo. “Ferma restando l’esigenza di arrivare ad una soluzione condivisa da tutti i soggetti coinvolti, si rappresenta l’auspicio che possa essere raggiunto un accordo tra tutte le Regioni tale da contemperare sia la necessità di conservare la specie sia la possibilità di prevedere deroghe al divieto di rimozione nei limiti consentiti dalla normativa vigente”, aggiunge. Cingolani osserva come la struttura del piano per i lupi della Provincia di Trento “sembra essere interessante”: “ho mandato una lettera al presidente di Ispra per valutare con la Provincia autonoma di Trento e con quella di Bolzano, che stanno lavorando insieme, un approfondimento di questa metodologia e verificare se possa essere un ulteriore punto di discussione da presentare alla conferenza Stato-Regioni”.

Commenti

commenti