LA CINA SI “ACCAPARRA” IL 69% DELLE RISERVE MONDIALI DI MAIS

LA CINA SI “ACCAPARRA” IL 69% DELLE RISERVE MONDIALI DI MAIS

225
CONDIVIDI

Entro la prima metà dell’annata agraria la Cina si sarà “accaparrato” il 69% delle riserve mondiali di mais per l’alimentazione del bestiame ma anche il 60% del riso e il 51% di grano alla base dell’alimentazione umana nei diversi continenti, con conseguenti forti aumenti dei prezzi in tutto il pianeta e carestie. Come riporta Ansa lo afferma la Coldiretti sulla base dell’analisi di Nikkei Asia sui dati del dipartimento americano dell’agricoltura (USDA). Gli effetti sono confermati dalle quotazioni delle materie prime alimentari che hanno raggiunto a livello mondiale il massimo da oltre dieci anni, trainati dai forti aumenti per oli vegetali, zucchero e cereali sulla base della analisi Coldiretti dell’Indice Fao a novembre 2021 che ha raggiunto il valore massimo dal giugno 2011 per effetto di un incremento del 27,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti