LIVORNO, PROGETTO DI SICUREZZA DEL SANTUARIO DEI CETACEI

LIVORNO, PROGETTO DI SICUREZZA DEL SANTUARIO DEI CETACEI

139
CONDIVIDI
balena.jpg

L’evento finale del progetto Sicomar plus che ha visto impegnati 16 partner francesi e italiani, con capofila la Regione Toscana e che hanno lavorato insieme per tre anni per analizzare, condividere, progettare e infine produrre idee e strumenti capaci di contribuire alla sicurezza in mare e alla salvaguardia dell’ambiente del Santuario dei cetacei, l’area marina protetta che si estende nel Mar Tirreno settentrionale tra la costa francese, quella italiana e la Corsica, è in programma mercoledì 12 gennaio a Livorno nella storica sede dei Bagni Pancaldi, alla presenza dell’assessora all’ambiente Monia Monni e con la partecipazione delle cinque Regioni che si affacciano sul Mar Tirreno: Corsica, Regione Sud (Provenza-Alpi-Costa Azzurra), Liguria, Sardegna e Toscana. Il progetto, si spiega in una nota, riveste particolare importanza perché attivo su un’area di straordinaria ricchezza: il Santuario Pelagos – cosi’ si chiama dal 2002 – che si estende per ben 87.500 km e il cui patrimonio naturale è stato fortemente minacciato negli ultimi anni dall’aumento del traffico di merci (soprattutto pericolose) e di passeggeri che attraversano il Mediterraneo settentrionale per lavoro o turismo. In questi tre anni sono stati investiti 6.7 milioni di euro impiegati per aumentare la superficie di mare controllata da strumenti di monitoraggio (radar, satelliti, strumenti in-situ), e per migliorare la qualità delle previsioni meteo-oceanografiche. Il tutto per individuare rotte di navigazione più convenienti e sicure, ridurre i rischi ambientali, ridurre le emissioni. Sono state organizzate inoltre attività di formazione, dimostrative e prodotte tecnologie per la gestione delle emergenze. Il cuore del progetto prevede l’integrazione di reti e sistemi per il monitoraggio e la condivisione dei dati, l’implementazione di modelli di previsione con incertezza ridotta, corsi di formazione per il personale marittimo e la comunicazione sui temi del lavoro condiviso. L’enorme mole di dati e informazioni contribuirà ad innalzare la sicurezza del traffico marittimo e contribuire così ad un mare sostenibile per gli esseri umani, per le creature che popolano il Santuario Pelagos e per la biodiversità delle aree marine protette e dell’intero ecosistema marino-costiero.

(Comunicato riportato da Ansa. Foto di repertorio)

Commenti

commenti