CATANIA, NAS SEQUESTRA ALLEVAMENTO PER MACELLAZIONE ABUSIVA

CATANIA, NAS SEQUESTRA ALLEVAMENTO PER MACELLAZIONE ABUSIVA

469
CONDIVIDI
pecorepeta.jpg

Non aveva i requisiti minimi per garantire il benessere animale e la tutela ambientale: con queste ragioni i carabinieri del Nas di Catania hanno sequestrato un allevamento ovicaprino di circa 50 capi allestito in un fondo agricolo dell’Acese. Il provvedimento, richiesto dalla Procura, è stato convalidato dal Gip. L’allevamento era censito all’anagrafe zootecnica, ma, secondo la ricostruzione del Nas, i capi, riferibili a un allevatore di un altro comune, sarebbero stati trasferiti abusivamente nel sito ispezionato, dove erano tenuti in promiscuità con numerosi polli e suini. Nella struttura era presente anche un rudimentale laboratorio, realizzato con attrezzature improvvisate, utilizzato per la produzione di prodotti lattiero caseari in violazione delle norme igienico-sanitarie. Nelle pertinenze dell’insediamento è stata anche scoperta un’area di deposito incontrollato di rifiuti speciali costituiti da materiali edili, sostanze ed oli esauste, plastiche, pneumatici e residui di scarti di macellazione bruciati ed interrati. Il gestore dell’allevamento è stato denunciato all’autorità giudiziaria per macellazione clandestina e reati ambientali con sequestro dell’intero fondo e di tutti gli animali presenti per la corretta identificazione e la sottoposizione ai controlli sanitari.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti