COVID, IN LOCKDOWN CANI E GATTI USATI COME “ARMI” NEI LITIGI

COVID, IN LOCKDOWN CANI E GATTI USATI COME “ARMI” NEI LITIGI

696
CONDIVIDI

Non solo compagni di vita ma, purtroppo, spesso esseri violenti usati come fossero oggetti nelle dispute, con abusi e violenze perpetrate dai proprietari, esacerbate dai durissimi lockdown decisi dai governi. Questo – riporta Agi – il quadro a tinte fosche che emerge da uno studio, pubblicato sulla rivista PsyArXiv, condotto dagli scienziati dell’Università della Scozia occidentale (UWS), che hanno valutato le richieste di aiuto rivolte alle linee di assistenza per abusi domestici. Stando a quanto emerge dall’indagine, gli animali delle vittime sono stati feriti direttamente e sono stati oggetto di minacce. Il team, guidato da Roxanne Hawkins, ha esaminato le linee di assistenza per abusi domestici, documentando il comportamento degli aggressori nei confronti degli animali degli oppressi. “Il nostro studio – afferma Hawkins – ha mostrato l’impatto della pandemia sulle vittime di abusi domestici. Abbiamo scoperto che gli animali sono stati oggetto di coercizione, utilizzati come mezzi per esercitare il controllo sui loro padroni”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti