CLIMA, AIE: NON DIVENTI ALTRA VITTIMA DELL’INVASIONE RUSSA

CLIMA, AIE: NON DIVENTI ALTRA VITTIMA DELL’INVASIONE RUSSA

104
CONDIVIDI
centralecarbone.png

L’approvvigionamento di energia in tempo di guerra non faccia sì che si accantoni la transizione ecologica: a lanciare l’appello – riporta Il Sole 24 Ore Radiocor Plus – il direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), Fatih Birol in modo che gli obiettivi climatici non diventino “una nuova vittima dell’aggressione russa”. “È fondamentale che i governi si assicurino che le luci rimangano accese, ma ciò non significa che possiamo fermare i nostri sforzi per affrontare il cambiamento climatico” ha detto Birol parlando a Parigi. “Sono molto preoccupato che la causa del Clima possa essere un’altra vittima dell’aggressione russa”, ha aggiunto sottolineando come il totale delle emissioni di CO2 del settore energetico sono rimbalzate lo scorso anno raggiungendo il livello più alto di sempre, a causa della ripresa economica globale e di un maggiore utilizzo del carbone. Ora la situazione rischia di peggiorare perché a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, alcuni paesi occidentali stanno valutando di rimettere in funzione le centrali a carbone per far fronte ai propri bisogni energetici.

Commenti

commenti