PESTE SUINA, COLDIRETTI METTE I CINGHIALI NEL MIRINO

PESTE SUINA, COLDIRETTI METTE I CINGHIALI NEL MIRINO

162
CONDIVIDI

Con l’arrivo della peste suina Coldiretti lancia l’ennesimo appello per lo sterminio dei cinghiali. “Con l’Italia invasa da 2,3 milioni di cinghiali non c’è solo la peste suina, ma è allarme per la sicurezza delle persone in campagna e città con i branchi che si spingono fin dentro i centri urbani, fra macchine in sosta, carrozzine con bambini e anziani che vanno a fare la spesa” afferma l’associazione, con toni catastrofici, in occasione – riporta Dire – del blitz degli agricoltori, cittadini e istituzioni in piazza Santi Apostoli a Roma dove hanno occupato strade e parchi (e poi gli “invasori” sarebbero i cinghiali, ndr). I branchi dei cinghiali – prosegue la Coldiretti – si spingono sempre più vicini ad abitazioni e scuole, fino ai parchi, distruggono i raccolti, aggrediscono gli animali, assediano stalle, causano incidenti stradali con morti e feriti e razzolano tra i rifiuti con evidenti rischi per la salute. La soluzione: ovviamente sempre gli abbattimenti, ignorando che esistono metodi non cruenti come le sterilizzazioni, la creazione di barriere artificiali, cassonetti anti-cinghiale e rimozione rapida dei rifiuti, che si sono anche dimostrati più efficaci.

Commenti

commenti