INQUINAMENTO: OLTRE IL 90 % DEI BAMBINI ESPOSTI ALL’ARIA MALATA

INQUINAMENTO: OLTRE IL 90 % DEI BAMBINI ESPOSTI ALL’ARIA MALATA

64
CONDIVIDI
inquinamento.jpg

Inquinamento e cambiamenti climatici incidono sulla salute dei bambini: oltre il 90% di quelli sotto i 15 anni respira regolarmente aria cosi’ inquinata da mettere a serio rischio la loro salute e il loro sviluppo, mentre le malattie trasmesse da vettori e la scarsita’ d’acqua – due flagelli esacerbati dal riscaldamento globale – colpiscono rispettivamente piu’ di un bambino su quattro e piu’ di uno su tre. Inoltre, si legge sul New England Journal of Medicine, circa un quarto delle morti tra i bambini sotto i 5 anni a livello globale potrebbe essere evitato affrontando i rischi ambientali.
Secondo quanto riferito da esperti di Stanford University e Columbia University in Usa, le minacce vengono da piu’ fronti, ad esempio un miliardo di bambini in tutto il mondo e’ esposto a livelli molto elevati di inquinamento atmosferico, che e’ fortemente associato a un aumento del rischio di mortalita’ infantile, esiti avversi alla nascita, asma e altre malattie respiratorie, disturbi dello sviluppo e problemi di salute per tutta la vita, tra cui riduzione della cognizione, problemi di salute mentale e autismo. Si prevede che ogni singolo bambino nel mondo soffrira’ di almeno un evento legato al cambiamento climatico nei prossimi 10 anni. Infine, recenti ricerche epidemiologiche indicano che l’inquinamento atmosferico e’ un fattore di rischio per la salute mentale nei bambini e negli adolescenti. Ad esempio, l’esposizione per tutta la vita all’inquinamento atmosferico dovuto al traffico puo’ portare a depressione e sintomi di ansia. Particolarmente preoccupanti sono gli impatti cumulativi sulla salute mentale dell’inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici. Esperienze avverse nell’infanzia, come disastri e abbandono della propria casa, non solo aumentano il rischio a breve termine di disturbi mentali, ma conferiscono anche una vulnerabilita’ duratura ad ansia, depressione e disturbi dell’umore in eta’ adulta.

Commenti

commenti