IRAQ, SICCITÀ UCCIDE IL 40% DELLE GAZZELLE DI SAWA IN UN MESE

IRAQ, SICCITÀ UCCIDE IL 40% DELLE GAZZELLE DI SAWA IN UN MESE

139
CONDIVIDI

Circa il 40% delle gazzelle sono morte di fame nella riserva naturale di Sawa. Come riportano Agi/Afp la causa del decesso è la siccità, che le ha private delle fonti di sostentamento necessarie. Così in poco più di 30 giorni, la popolazione è passata da 148 a 87 esemplari. Le gazzelle dalle corna sottili sono le ultime vittime di un Paese che dopo anni di guerra si ritrova anche a fare i conti con il cambiamento climatico. La siccià  del Paese prosciuga i laghi e fa diminuire i raccolti e il cibo per gli animali selvatici. Ma non solo: “Non hanno più scorte di cibo perché non abbiamo ricevuto i fondi necessari”, che erano arrivati dal governo, spiega Turki al-Jayashi, direttore della riserva di Sawa, secondo cui il numero di gazzelle è crollato di circa il 40% in un solo mese alla fine di maggio. Gli eleganti animali, noti anche come gazzelle rhim, sono riconoscibili per le loro corna dolcemente ricurve e il manto color sabbia. L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura li classifica come animali in pericolo nella sua Lista Rossa.

(Gazzella di rhim nello zoo di Cincinnati, foto  Regina dei Pescatori su Wikipedia)

Commenti

commenti