NAPOLI, NEL BORGO DI ATRANI BANCA DATI DNA DELLE DEIEZIONI DEI CANI

NAPOLI, NEL BORGO DI ATRANI BANCA DATI DNA DELLE DEIEZIONI DEI CANI

13
CONDIVIDI

Una banca dati del dna per sanzionare i proprietari di cani incivili, compresi i turisti. Ad Atrani, nella costa di Amalfi, modifica all’unanimità del Regolamento sul decoro urbano per combattere il problema delle deiezioni canine usando l’analisi delle feci come deterrente per i padroni di quattrozampe che non provvedano a mantenere il paesino della costa di Amalfi pulito. Come riporta Agi sarà dunque istituito un registro dei profili genetici, dei Dna, collegati al microchip dei cani che vivono o soggiornano per più di 7 giorni nel borgo più piccolo d’Italia. I proprietari dei cani potranno, fino al 15 settembre, effettuare il prelievo in maniera del tutto gratuita; dopo quella data dovranno invece provvedere a proprie spese ad effettuare il test, che resta obbligatorio assieme alla comunicazione del microchip dell’animale. Per incentivare l’iniziativa è prevista, grazie alla convenzione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno e la collaborazione dell’Unità Operativa Veterinaria dell’Asl di Salerno, l’effettuazione anche del test per la Leishmaniosi. Dopo la creazione della banca dati, al ritrovamento di un escremento al suolo pubblico la polizia locale, in collaborazione con Miramare, ne preleverà un campione e lo farà analizzare, consentendo in questo modo di collegarlo al microchip e risalire al padrone, facendo pagare a questi una multa e le spese di accertamento.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti