PIPISTRELLI, STUDIO: “PERSEGUITATI DURANTE LA PANDEMIA”

PIPISTRELLI, STUDIO: “PERSEGUITATI DURANTE LA PANDEMIA”

207
CONDIVIDI

I pipistrelli sono animali utili all’ambiente e quindi specie da proteggere oppure hanno contribuito in maniera determinante alla diffusione del Covid-19? Quanto i mass media hanno contribuito a veicolare una percezione positiva o negativa di questa specie? La risposta a questa domanda e’ stata appena pubblicata sulla rivista Biological Conservation da un gruppo di ricerca coordinato da Veronica Nanni, della Scuola Universitaria superiore Iuss di Pavia, e da Raoul Manenti, del Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’Universita’ degli Studi di Milano. I ricercatori hanno vagliato tutte le notizie uscite nei primi 7 mesi del 2020 sui principali quotidiani online di 26 Paesi a proposito dei pipistrelli, e le hanno confrontate con quelle uscite nello stesso periodo del 2019 e del 2018, esaminando oltre 2.600 notizie e classificandole in base alla presenza di elementi negativi o pro-conservazione. “La pandemia ha generato un’attenzione a livello globale da parte dei mass media sui pipistrelli e sul loro possibile ruolo nella diffusione di zoonosi, che ha rischiato di vanificare anni di sforzi per la conservazione di questi importanti animali, da sempre oggetto di false credenze e paure in diversi Paesi del mondo”, rilevano in una nota Iuss Pavia e Universita’ Statale di Milano. “Subito dopo la diffusione di notizie che hanno associato i pipistrelli al Covid-19, infatti, vi sono stati diversi casi di persecuzione diretta con uccisione di pipistrelli”. Successivamente, prosegue la nota, “vi e’ stato un significativo aumento di notizie pro-conservazione dei pipistrelli, ben superiore al numero di notizie pro-conservazione uscite nel 2018 e nel 2019: gia’ poco tempo dopo dalla diffusione della pandemia, il modo di rappresentare i pipistrelli da parte dei mass-media e’ cambiato in positivo e molto probabilmente ha avuto un effetto determinante nel bloccare il ripetersi dei fenomeni di persecuzione”.

Commenti

commenti