BRASILE, UCCISE E FILMÒ LA MORTE DI UN GIAGUARO: DOVRÀ RISARCIRE COLLETTIVITÀ

BRASILE, UCCISE E FILMÒ LA MORTE DI UN GIAGUARO: DOVRÀ RISARCIRE COLLETTIVITÀ

307
CONDIVIDI

Ucciso un giaguaro e ne filmò la morte diffondendo il video su tutte le reti social. Per questa ragione – riporta Ansa – l’allevatore brasiliano, Benedito Nedio Nunes Rondon, dovrà pagare 150mila reais (circa 28.725 euro) in 30 rate da 5mila come risarcimento per “il danno morale collettivo”, secondo un accordo che l’uomo ha siglato con le autorità, per ottenere l’archiviazione del caso. Il denaro sarà destinato all’organizzazione non governativa Ampara Animal, che opera nel salvataggio, cura, recupero e reintroduzione degli animali selvatici nel Pantanal. Il fazendeiro è stato inoltre multato per un totale di tremila reais (circa 570 euro) dall’Istituto brasiliano per l’ambiente e le risorse naturali rinnovabili (Ibama). Secondo quanto ricostruito da Ibama, il contadino aveva ucciso il giaguaro a Poconé, nella regione del Pantanal il 1 aprile, girando una clip che aveva pubblicata online subito dopo. Le immagini mostrano Nunes Rondon accanto al giaguaro morto, con una pistola sopra il corpo dell’animale. Nel video, l’uomo confessa di essere il responsabile della morte dell’animale, che definisce “un essere inutile”.

(Foto da Facebook)

Commenti

commenti