PALERMO, BLITZ NELLE STALLE CLANDESTINE

PALERMO, BLITZ NELLE STALLE CLANDESTINE

74
CONDIVIDI
cavalli.jpg

Maxi intervento delle forze dell’ordine all’alba di venerdì 20 a Palermo dopo il servizio-denuncia di realizzato qualche giorno fa da Edoardo Stoppa per “Striscia la Notizia”. Alcuni cavalli utilizzati sia per il traino delle carrozze turistiche che verosimilmente per le corse clandestine sono stati trasferiti all’ippodromo. Si trovavano in due quartieri della città, Albergheria e Borgo Vecchio. Tutti gli animali, almeno sette nel caso dell’Albergheria, sarebbero stati sottoposti a sequestro di tipo amministrativo.
Al Borgo Vecchio, a poche decine di metri dal Teatro Politeama, sono intervenuti i carabinieri. Mentre nell’altro quartiere del capoluogo siciliano c’è stato l’intervento della polizia, della municipale, della polizia provinciale e del Corpo forestale della Regione siciliana. In azione anche i cinofili della polizia municipale, anche se i cani finora ritrovati non sarebbero da combattimento. C’erano anche i veterinari dell’Asl di Palermo.
In città esistono centinaia di stalle abusive in molti casi già sequestrate dalle forze dell’ordine. In alcuni casi le stalle, in pieno centro città, ricadono in luoghi adibiti alla detenzione dei cavalli ormai da parecchi secoli, eppure il regolamento di igiene del Comune palermitano vieta la presenza di queste strutture, ricavate in molti casi anche nei garage dei palazzi.

Commenti

commenti