UE, IL PPE ALLA GUERRA CONTRO I LUPI: CAMBIARE LO STATO DI...

UE, IL PPE ALLA GUERRA CONTRO I LUPI: CAMBIARE LO STATO DI PROTEZIONE

333
CONDIVIDI

Il Partito Popolare Europeo, il primo partito dell’Ue, vuole cambiare il grado di protezione di cui godono i lupi in Europa. Per i popolari, un numero crescente di lupi e orsi in Europa “sta minacciando l’agricoltura pastorale tradizionale”. L’eurodeputato Herbert Dorfmann, portavoce del gruppo Ppe nella commissione Agricoltura del Parlamento, e l’eurodeputato Alexander Bernhuber, responsabile del dossier nella commissione Ambiente, chiedono una modifica dello stato di protezione dei lupi, sulla base di una rivalutazione scientifica delle loro popolazioni. Nella sola Francia, sottolinea il Ppe, oltre 10mila pecore vengono uccise dai lupi ogni anno. In Germania, le popolazioni di questi grandi predatori crescono del 36% ogni anno. E 6mila orsi vagano nelle montagne rumene (dove tuttavia sono sovente una risorsa per il settore della caccia: l’abbattimento di un orso frutta agli organizzatori migliaia di euro, ndr). “Le crescenti popolazioni di grandi predatori stanno minacciando il modo tradizionale di allevare in diversi paesi europei, non solo nelle regioni montuose dove la pastorizia è una parte importante dell’agricoltura. Hanno anche un effetto più ampio sulle comunità rurali e sul turismo”, afferma Dorfmann. “Le attuali misure per proteggere il bestiame e le mandrie, come recinzioni e cani, sono insufficienti per gli allevatori europei. Chiediamo un cambiamento dello stato di protezione dei lupi in conformità con la direttiva Habitat. E tempo di una solida rivalutazione scientifica della normativa europea popolazione di lupi”, conferma Bernhuber. “Quando le popolazioni cambiano, deve cambiare anche il loro stato di protezione”, ha sottolineato Dorfmann.

Commenti

commenti