LA NATURA E’ PIU’ GRANDE DI NOI

LA NATURA E’ PIU’ GRANDE DI NOI

173
CONDIVIDI

di
Danilo Selvaggi (Lipu)

L’idea di “controllare” la natura è figlia di una mentalità ingenua e non priva di tratti patologici – tanto più nell’epoca cosiddetta di Antropocene in cui gli esseri umani hanno occupato quasi ogni angolo del pianeta.

La natura non è controllabile. Non dipende da quanto siamo forti e tecnologicamente avanzati. Semplicemente, è più grande di noi. O più piccola.

In “Rachel dei pettirossi” dedico uno spazio a quello che Edward O. Wilson definì “il Vietnam dell’entomologia”. Il tentativo, clamorosamente fallito, di eradicare la formica rossa dagli Stati Uniti.

Aerei, programmi tecnici, tonnellate di Ddt ma niente da fare. Bastò che poche formiche rosse sfuggissero al “controllo” perché il problema si riproponesse e gli Stati Uniti d’America perdessero la loro guerra contro quel minuscolo, indomito animale.

La formica rossa venne ribattezzata proprio così: solenopsis invicta (nella foto). Un micro-animale che non possiamo sconfiggere.

Se mettiamo la relazione umanità-natura sul piano della guerra, abbiamo già perso. La guerra sarà sempre asimmetrica. Creature di pochi millimetri sono alla fine più potenti di una portaerei. Inoltre, rischiamo di perdere anche quando vinciamo, cioè quando facciamo piazza pulita della vegetazione ripariale, cementiamo gli argini dei fiumi, ripuliamo le spiagge di ogni frammento marino, antropizziamo urbi et orbi. Il conto torna indietro, salato.

A un anno esatto dalla scomparsa di Edward O. Wilson (26 dicembre 2021), a sessant’anni da “Primavera silenziosa”, la lezione del grande naturalista dell’Alabama e della nostra Rachel Carson non è ancora stata imparata.

Spacciamo la propaganda per soluzione, la superficialità per scienza, i fucili e la violenza per argomenti capaci di convincere il naturale-non-umano a farsi da parte.

Verrà il giorno in cui sostituiremo le vecchie formule e i valori dell’egoismo con la conoscenza e i valori dell’ecologismo, il cui principio generale (Rachel Carson docet) è il seguente: non controllo della natura (patologia) ma patto con la natura (ecologia).

Commenti

commenti