Ascoltare per imparare

Ascoltare per imparare

87
CONDIVIDI

“Combattere l’ignoranza non è facile, e il concetto di cultura è soggettivo. Dimostrare con azioni concrete e intelligenti come si può fare per risolvere problemi alla radice è oggetto di ammirazione da una parte e di ottusità da un’altra. Portare “novità culturali” nel nostro paese è come decidere di cominciare una battaglia,sono più gli ostacoli da superare che le incitazioni a proseguire…ma la passione è quella che decide alla fine chi veramente crede e fa qualcosa (incassando pugni senza arrendersi) e chi invece alza solo polvere nell’aria, per negligenza o perchè si è arreso. Tutti si aspettano sempre qualcosa di più(dal loro punto di vista), da qualcuno che agisce, che si muove, che fa di tutto per raggiungere un obiettivo. Tanti sono sempre pronti a sentenziare. Ancora peggio, molti sono indifferenti a problemi che non li riguardano da vicino ( da me personalmente vengono ripagati con la stessa moneta,l’indifferenza). Far comprendere la “voce” di altre creature è difficile,c’è chi lo fa con la scienza, chi con la politica, chi con la passione, chi con la diplomazia,chi con l’arte. Questi vivono un’esistenza o parte di essa, dedicata a qualcun altro.Tutte quelle persone che cercano di non comprendere il perchè qualcuno si dedica ad altri,dovrebbero solamente pensare questo: Io al posto suo farei la stessa cosa o me ne starei tranquillo sdraiato in spiaggia a pensare solo a me stesso e ai pochi esseri che mi circondano? Io starei al suo posto a parlare di queste cose o starei a pensare solo come arricchirmi sperando di essere felice?
Concludo scrivendo che prima di creare problemi,far perdere tempo, giudicare a priori chi sta facendo qualcosa di costruttivo per il futuro degli animali e dell’ambiente (anche con modalità ancora sconosciute) bisogna “ASCOLTARE”. Ascoltando si impara (anche solo una parola nuova) e si cresce culturalmente, e chi pensa di sapere già tutto è un idiota.

Commenti

commenti