Quando i cacciatori sono in famiglia

Quando i cacciatori sono in famiglia

87
CONDIVIDI

Provengo da una famiglia di cacciatori. Padre cacciatore, nonno cacciatore, zii cacciatori, fratelli cacciatori. Tradizione di famiglia, dicevano. Un mezzo per socializzare, per tenere la famiglia unita, diceva mia madre. Un’occasione per stare all’aria aperta, a contatto con la natura, per fare un po’ di moto e tenersi in forma, diceva mio padre. Sono cresciuta vedendo arrivare in casa corpicini martoriati, alle volte alcuni ancora agonizzanti.
A tutti sembrava la cosa più normale del mondo. Le riunioni di famiglia erano incentrate sui racconti di caccia e sui discorsi dei maschi, tipo “quanti tordi hai preso?”… “e beccacce ne hai viste?”… e così via. Le conversazioni vertevano dai richiami da caccia, a come addestrare i cani, agli aneddoti su come riuscivano a “fregare” le loro prede. Fin da piccola, nonostante non avessi mai sentito parlare di animalismo, mi sentivo un’aliena. Non capivo come si potesse gioire nel vedere quegli esseri privati della loro vita, per giunta in maniera così  cruenta e con l’inganno dei falsi richiami.
Oggi mi viene da pensare che soltanto una grande ignoranza poteva giustificare un comportamento del genere, per giunta così diseducativo verso i  figli.
La caccia tradizione di famiglia? Probabilmente è quello che dicono anche quelle etnie che praticano ancora oggi il cannibalismo. Con la scusa della “tradizione” si accettano le nefandezze più bieche.
Ma quando le tradizioni sono abominevoli, non sarebbe il caso di prendere in considerazione l’idea di civilizzarsi un po’? La caccia un mezzo per socializzare? Ma compratevi un Monopoli, giocate a battaglia navale! E se proprio, per socializzare, avete bisogno di una scarica di adrenalina, giocate a strip poker, datevi al bungee jumping, iscrivetevi a un fight club! Sarà comunque molto più sano che andare “a contatto con la natura” con lo scopo di uccidere i suoi abitanti. La caccia un mezzo per tenere la famiglia unita? Beh, non ha funzionato. La caccia è stata proprio l’elemento che ci ha divisi irrimediabilmente.

Commenti

commenti