GREEN, 1 PICCOLA IMPRESA SU 2 RISCHIA LA “STRETTA DEL CREDITO”

GREEN, 1 PICCOLA IMPRESA SU 2 RISCHIA LA “STRETTA DEL CREDITO”

68
CONDIVIDI
impreseverdi.png

I numeri di uno studio della Fondazione Impresa

Anche le aziende green sono a rischio credit crunch. Quasi una piccola impresa verde su due incontra difficoltà ad accedere al credito delle banche con rischi per nuovi investimenti nel settore della “green economy”. Lo rivela il secondo osservatorio sulla piccola impresa “green” realizzato da Fondazione Impresa su un campione di 400 piccole imprese, con meno di 20 addetti, che lavorano nei settori delle energie rinnovabili, della protezione dell’ambiente, della certificazione e consulenza ambientale e del riciclo dei rifiuti.
Secondo i ricercatori, ad avere incontrato problemi nell’accesso al credito è stato il 46,5% delle piccole e medie imprese del settore green. E il dato è “ancora più preoccupante –
rivelano gli analisti della Fondazione – se si considera che le piccole imprese ‘green’ non necessitano di credito solo per gestire le operazioni quotidiane e vitali per la sopravvivenza dell’azienda in un periodo di crisi, come il pagamento dei dipendenti, dei fornitori o delle imposte, ma anche per consolidare il core business dell’azienda stessa”.
Dall’indagine emerge che il 48,3% delle piccole imprese “green” che si è rivolto alle banche lo ha fatto per mancanza di liquidità e, comunque, molto meno delle altre piccole imprese che arrivano al 57,1%. E, ancora, che molti (41,4%) lo hanno fatto per realizzare nuovi investimenti. In particolare, il 29% delle piccole imprese “green” ha avuto “alcune difficoltà”, il 10,1% ne ha riscontrate “molte” e per il 7,4% “non è stato possibile ottenere il credito”. Le piccole imprese “green” hanno riscontrato maggiori difficoltà nell’ottenere il credito rispetto alle altre piccole imprese (43,3%).
A condizionare, in particolare, l’accesso al credito delle piccole imprese “green”, rileva ancora la ricerca, sono la richiesta di garanzie eccessive (42,1%) e la presenza di tassi di interesse troppo elevati (36,8%). In particolare, le piccole imprese “green” soffrono meno delle altre piccole imprese a causa della richiesta di garanzie eccessive. Tra le altre difficoltà, i costi bancari troppo elevati (10,5% delle piccole imprese “green”; 12,8% delle piccole imprese) e i tempi e le procedure troppo lunghe (6,7% delle piccole imprese “green”; 7,4% delle piccole imprese).

Commenti

commenti