GREEN HILL, BARDOT: LIBERO CHI LIBERA

GREEN HILL, BARDOT: LIBERO CHI LIBERA

69
CONDIVIDI
gh.jpg

Anche Brigitte Bardot interviene a favore dei 12 arrestati dopo il blitz a Green Hill. “Possono contare sul mio pieno appoggio – ha scritto Brigitte Bardot, Presidente dell’omonima Fondazione in una lettera al ministro della Giustizia, Paola Severino – perché non è più possibile accettare lo scandalo della vivisezione. Non abbiamo il diritto – ha continuato Brigitte Bardot – di chiudere gli occhi di fronte all’inferno che attende milioni di animali sacrificati innanzi ad una scienza senza coscienza. “Secondo Brigitte Bardot i 12 attivisti arrestati hanno agito senza premeditazione. “Hanno seguito il cuore e la ragione – dice la lettera pubblicata sul sito della Fondazione – per questo non dovrebbero essere condannati avendo dato prova di umanità in un mondo dove prevale egoismo e viltà. I miei pensieri vanno oggi a questi coraggiosi attivisti e ai cani tolti dall’inferno, salvati da quell’ Auschwitz al quale si condannano i nostri fratelli.”
“Vi chiedo, Signor Ministro – conclude la Bardot – di assicurare la libertà a persone innocenti che non hanno fatto altro che liberare altri innocenti”.
La Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente ha ringraziato “una grande donna” come la signora Bardot per il suo intervento.

Commenti

commenti