CINA, ANCORA FOTO E VIDEO DEI PORTACHIAVI CON ANIMALI VIVI

CINA, ANCORA FOTO E VIDEO DEI PORTACHIAVI CON ANIMALI VIVI

153
CONDIVIDI
pesce_ciondolo.png

Venduti da ambulanti in luoghi affollati

Non è purtroppo un fatto nuovo e non è la prima volta che ne parliamo. Ma su internet continuano a circolare video e foto che documentano lo smercio, in Cina, di portachiavi realizzati con animali vivi. Sono sacchetti sigillati con una piccola tartaruga o piccoli pesci, offerti in baracchini ambulanti, vicino alle fermate della metropolitana o comunque in luoghi affollati. I venditori cinesi sostengono che nell’acqua colorata in cui sono immersi questi poveri animali sarebbero presenti sostanze nutrienti, in grado di garantirne la sopravvivenza per mesi interi (interi mesi di crudeltà).
Ma la realtà è ben diversa. Le associazioni che si occupano di far valere i diritti degli animali hanno infatti ribadito che si tratta di una vera e propria azione di maltrattamento.
Al quotidiano cinese Global Times, Qin Xiaona, direttore della NGO Capital Animal Welfare Association, ha detto: “Mettere un essere vivente dentro uno spazio sigillato e così ristretto per ottenere un guadagno è immorale e un vero e proprio abuso ai danni dell’animale”. Lo stesso vale per chi acquista queste vite “confezionate” in comode bustine.

Commenti

commenti