"Lager" di Trani, Riesame: no al dissequestro

"Lager" di Trani, Riesame: no al dissequestro

84
CONDIVIDI

E’ ormai noto a tutti il sequestro del Dog’s Hotel di Trani, un’azione importante frutto di un percorso davvero difficile che Lega nazionale per la difesa del cane sta portando avanti senza sosta dallo scorso novembre. Solo pochi giorni fa, il Tribunale del riesame di Trani ha rigettato l’istanza di dissequestro del Dog’s Hotel e degli animali presenti dentro la struttura avanzata nel mese di gennaio dall’ex gestore Riccardo Malcangi, confermando appieno il giudizio di inaffidabilità dello stesso. Le prove inconfutabile, prodotte attraverso relazioni e documentazione fotografica che testimoniano l’orrore in cui erano costretti a vivere gli animali, hanno confermato quanto disposto lo scorso novembre dall’UO del ministero della Salute e dal Nas di Bari.
Nel “lager” di Trani, infatti, più di 600 animali fra cani, maiali e volatili sono stati trovati tra rifiuti, deiezioni e carcasse. Denutriti, malati e in condizioni di sporcizia estrema, non registrati né microchippati. Tra questi, un numero rilevante di femmine non sterilizzate. E’ stato portato alla luce ancora una volta un “sistema” che presumibilmente giovava a molti o che comunque non era interesse far emergere.
Il positivo risultato è da ascrivere all’impegno di tutti coloro che hanno contribuito a portare avanti questa grande battaglia, dai cittadini italiani che hanno sostenuto le associazioni con grande senso civico ai volontari di tutte le associazioni.

Commenti

commenti