VIENNA, GATTI AL BAR MA SEMPRE SOTTO GLI OCCHI DEGLI ANIMALISTI

VIENNA, GATTI AL BAR MA SEMPRE SOTTO GLI OCCHI DEGLI ANIMALISTI

63
CONDIVIDI
gattomiao.png

L’iniziativa di una coppia giapponese

Gatti al bar a Vienna. Ecco un’iniziativa particolare di una caffetteria della capitale austriaca, simile a quella dei “cat café” giapponesi, che abbiamo raccontato qualche settimana fa. I mici protagonisti. Si chiamano Moritz, Luca, Momo, Sonia e Thomas e sono stati scelti per far compagnia agli avventori.
Il progetto è stato realizzato, dopo tre anni di lavoro, dai coniugi giapponesi Ishimitsu, i quali hanno pensato che un’atmosfera accogliente e tranquilla potesse essere assecondata dalla presenza dei gatti. L’idea è stata messo a punta nella massima sicurezza sia per gli animali che per i clienti: i mici non hanno accesso alla cucina e non entrano in contatto con le pietanze servite ai consumatori.
I rappresentanti felini del bar, che si chiama “Neko Café”, sono tutti addomesticati e hanno seguito un percorso di addestramento comportamentale, in modo tale da non creare disagi ai presenti.
Così, sorseggiando un caffè si potrà accarezzare Thomas, oppure ammirare Sonia intenta a catturare qualche raggio di sole dalla vetrina del bar.
E una rappresentante dell’associazione animalista SPCA, Society for the Prevention of Cruelty to All Animals, terrà sotto controllo le condizioni dei gatti. E si assicurerà che i mici stiano nel locale solo dalle 10 alle 20 e che non vi siano più di 50 clienti nel bar, in modo da non disturbare la quiete dei felini. Nel caso in cui i clienti dovessero dimostrarsi disattenti alle esigenze dei gatti, infine, l’SPCA potrà intervenire subito.
Un progetto del genere anche in Italia? Difficile: le norme sulla presenza di animali domestici nei locali pubblici sono severissime, così come quelle sull’igiene. I limiti sono tanti e la possibilità di averli anche da noi è davvero remota.

Commenti

commenti