5 PER MILLE, BOOM DI FIRME PRO ANIMALI

5 PER MILLE, BOOM DI FIRME PRO ANIMALI

70
CONDIVIDI

È aumentato il numero di firme per il 5 per mille destinate alle associazioni animaliste nel 2010, Una boccata d’aria che arriva proprio mentre le associazioni devono fare letteralmente i conti con il taglio governativo del 25 per cento al fondo per tutte le Onlus. Ecco invece un chiaro segno della fiducia dei contribuenti nel lavoro di questi gruppi.
Passiamo ora in rassegna i risultati ottenuti dalle associazioni riunite nella nostra Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente. Al ventesimo posto della graduatoria si piazza la Lav (Lega anti vivisezione) con 40.776 firme, oltre mille in più rispetto alle 39.690 del 2009. E al 26esimo gradino c’è l’Enpa (Ente nazionale protezione animali) con oltre diecimila sigle in più se si considerano i dati di due anni fa: 32.528 contro le precedenti 22.306. Un po’ più in basso, al 67esimo posto ecco la Lipu (Lega italiana protezione uccelli) che ha ottenuto la fiducia di 8.463 contribuenti nel 2010: quasi trecento in più (8.187) rispetto all’anno prima. E, ancora, l’Oipa (Organizzazione internazione protezione animali) alla 105esima posizione con 6.940 firme: un balzo a confronto con le 6.275 del 2009. C’è poi spazio, al 112 posto, per la Lndc (Lega nazionale difesa del cane) con 6.450 contribuenti: oltre 1.200 in più (5.215) rispetto a due anni fa. Chiude la Lac (Lega abolizione caccia) con 488 firme nel 2010: due in più di quelle raccolte nel 2009.

Commenti

commenti