ABRUZZO, IL PROPRIETARIO MUORE E CHARLIE FINISCE FUORI CASA

Charlie aveva una casa e un padrone umano che gli voleva un mondo di bene ma un giorno ebbe un ictus e finì in ospedale. Lo stesso giorno i parenti lo buttarono fuori casa insieme con il suo amico gatto. Come riporta Quotidiano.net purtroppo il signore è morto e i parenti non lo hanno mai più fatto rientrare nella casa dov’era stato tanto felice. E tutto questo senza un minimo di ripensamento.

I parenti non lo vogliono tra i piedi e basta. Per fortuna qualche vicino di buon cuore gli mette da mangiare ma comincia a far freddo e l’inverno è vicino. Per questo, dall’Abruzzo, arriva l’appello dei volontari che vorrebbero tanto trovare a Charlie una casa e una famiglia prima che arrivi il freddo. Lui non si muove da lì, aspetta che il suo amato padrone torni. Non si allontana di un passo, non sente ragioni. Charlie ha circa 8 anni è regolarmente vaccinato e sterilizzato (i volontari hanno anche provato a farsi consegnare dai parenti il libretto ma insieme al cane hanno buttato anche quello). E’ una taglia media socievole con gli altri cani e i gatti.
Charlie si trova in Abruzzo ma per una buona adozione i volontari sono disposti a portarlo in tutto il centro nord.
Per info: 3296824107

Tag: animali, cane, randagismo
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto