CITES, NUOVE SPECIE PROTETTE. COSTA: “GARANZIA PER L’ECOSISTEMA”

“La tutela della fauna è tra i nostri obiettivi. L’applicazione corretta della Convenzione Cites è fondamentale a tal fine, sia a livello nazionale sia a livello internazionale. La protezione di nuove specie è una garanzia per l’ecosistema, per i suoi equilibri e il suo futuro”.

A dirlo il ministro dell’Ambiente Sergio Costa commentando – come riporta l’Agi – l’entrata in vigore delle modifiche alle appendici della Convenzione internazionale sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali selvatiche minacciate d’estinzione (Cites) adottate dalla 18esima Conferenza delle parti tenutasi a Ginevra dal 17 al 28 agosto. Le nuove specie protette appartengono alla famiglia delle lucertole, delle tartarughe, dei gechi, lontre, gru e farfalle. Per rendere più agevole l’applicazione della Cites e del regolamento Ue è stata diffusa alle associazioni di categoria interessata un’informativa e è stato pubblicato sul ministero dell’Ambiente un comunicato dettagliato.

Di seguito la lista delle nuove specie protette: Ceratophora erdeleni, Ceratophora karu, Ceratophora tennentii, Cophotis ceylanica, Cophotis dumbara, Gonatodes daudini, Achillides chikae hermeli, Parides burchellanus, Aonyx cinerea, Lutrogale perspicillata, Gruidae Balearica pavonina, Cuora bourreti, Cuora picturata, Mauremys annamensis, Geochelone elegans e Malacochersus tornieri.

Tag: animali, Cites, specie protette
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto