EMILIA-ROMAGNA: CACCIA A GOGO NONOSTANTE IL COVID

Nonostante sia attualmente una zona “arancione”, in cui sono vietati gli spostamenti fra comuni e province, in Emilia-Romagna ci si può sempre spostare, da qualsiasi parte, a patto di andare a caccia di cinghiali. Lo ha precisato lo stesso assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca Alessio Mammi (Pd), rispondendo a un’interrogazione di tre consiglieri della Lega. “In una faq presente sul sito della Regione, seguita da ulteriore circolare diramata a tutti gli enti e circoli venatori così riassumibile: chi esegue i piani di controllo può continuare ad eseguirli, in quanto paragonati a servizio pubblico; allo stesso modo possono farlo coloro che si cimentano in battute di caccia al cinghiale, purché certifichino questa attività”, ha detto Mammi. E ha aggiunto: “Non mi risultano ad oggi provvedimenti sanzionatori nei confronti di chi abbia passato i confini di comune o provincia, il che vuol dire che la circolare e la faq sono stati interpretati correttamente”.

Tag: animali, caccia, cinghiale, lockdown
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto