GIORNATA AMBIENTE, WWF: I DANNI IRREVERSIBILI DELL’ONNIPRESENTE PLASTICA

C’e’ un solo materiale prodotto dall’uomo che possiamo trovare ovunque nel mondo: nei suoli, nei fiumi, nell’aria, nel cibo. Se da un lato la plastica porta benefici all’umanita’, dall’altro, il suo impatto su ogni essere vivente e habitat e’ sempre piu’ devastante. I danni per specie e salute umana sono (quasi) irreversibili. Lo denuncia il WWF che in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente pubblica il nuovo rapporto dal titolo “Plastica: dalla natura alle persone. E’ ora di agire” e chiede al governo di andare oltre il riciclo dei soli imballaggi e di estendere la raccolta differenziata a tutti i prodotti in plastica di largo consumo allo scopo di far crescere l’economia circolare come valore condiviso. Come si legge nella nota del WWF, la plastica deve essere gestita in maniera piu’ efficace ed efficiente, coordinata e integrata, coinvolgendo tutti gli attori (dalle istituzioni, alle aziende, fino alle persone e alle citta’ in cui vivono) e agendo in tutte le fasi – dalla sua produzione, al suo impiego e fino allo smaltimento. Il rapporto conferma che l’Italia e’ tra i peggiori Paesi inquinatori del Mediterraneo, contribuendo all’inquinamento soprattutto in qualita’ di secondo piu’ grande produttore di rifiuti plastici in Europa. Per il WWF non e’ piu’ sostenibile attuare un piano di riciclo limitato agli imballaggi e chiede al governo di estendere la raccolta differenziata a tutti i prodotti in plastica di largo consumo affinche’ si trasformino in nuovi oggetti, facendo crescere l’economia circolare come valore condiviso.

I DANNI PROVOCATI DALLA PLASTICA Sono innumerevoli e significativi i danni causati da ogni fase del ciclo di vita della plastica, dalla produzione all’utilizzo fino allo smaltimento, si legge ancora nel rapporto WWF. A fronte di una produzione in costante crescita, infatti, lo smaltimento della plastica e’ oggi ancora altamente inefficiente e inefficace, con tassi di riciclo inferiori al 10% a livello globale. Il risultato e’ che fino a 22 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica entrano nell’Ambiente marino e altrettanti nell’Ambiente terrestre ogni anno, in gran parte plastica monouso. Inoltre, attualmente, la produzione di plastica e’ responsabile di circa il 3,7% delle emissioni globali di gas serra e si prevede che questa percentuale possa aumentare fino al 4,5% entro il 2060, se le tendenze attuali continueranno senza controllo. Una contaminazione globale, diffusa e persistente di ogni Ambiente naturale (mari, fiumi, laghi, terra e aria), come afferma il WWF, tanto che l’inquinamento da plastica in Natura ha superato il “limite planetario” (Planetary boundary), oltre il quale non c’e’ piu’ la sicurezza che gli ecosistemi garantiscano condizioni favorevoli alla vita.

LA “FINE” DEI PRODOTTI NON RICICLABILI Ma che fine fanno i prodotti in plastica che non possono essere riciclati perche’ non sono imballaggi, come previsto dalla normativa vigente? Sedie e arredamenti in plastica, penne e pennarelli, spazzolini, giocattoli, pettini, spugne e spugnette, bacinelle e ciotole, gonfiabili e palloni, utensili da cucina e guanti, scarpe e ciabatte… siamo circondati da prodotti che, una volta che smettiamo di utilizzare perche’ rotti o obsoleti, non possono essere riciclati perche’ la regolamentazione attuale non lo prevede e quindi finiscono in discarica o a recupero energetico. Per fare un esempio, in Italia ogni anno gettiamo 4mila tonnellate di plastica solo con il consumo degli spazzolini da denti. Un quantitativo importante di plastica che oggi non viene riciclato e non contribuisce a creare nuovi oggetti. Altri esempi: se potessimo riciclare una sedia da giardino potremmo ottenere fino a 2,8 kg di plastica riciclata, come riciclare 93 flaconi dello shampoo; con il riciclo di una bacinella per i panni potremmo ottenere fino ad 1 kg di plastica riciclata, come riciclare 500 tappi delle bottiglie dell’acqua; con un trasportino per gatti potremmo ottenere fino a 900 g di plastica riciclata, l’equivalente di riciclare 30 vaschette per le albicocche. E’ evidente che se aumentassimo il riciclo rendendolo piu’ efficiente e riciclando piu’ tipologie di prodotti oltre agli imballaggi, potremmo dare vita a molte piu’ cose con la plastica riciclata, risparmiando molta piu’ materia prima e molte piu’ emissioni di CO2. Senza un miglioramento nella gestione della plastica e dei suoi rifiuti, entro il 2050 la quantita’ totale di plastica prodotta si e’ calcolato che potrebbe triplicare, con conseguente aumento dell’immissione di rifiuti di plastica nell’Ambiente: 12 miliardi di tonnellate di plastica potrebbero finire negli ambienti naturali. Se accadra’, tra 30 anni nel mare ci potrebbero essere piu’ plastiche che pesci, si legge ancora nel rapporto.

Tag: ambiente, plastica
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto