GRAN BRETAGNA, LOBBY DELLA CACCIA SCATENATE CONTRO LE VOLPI

volpe.png

“Minacciano l’uomo”: è vero il contrario

Secondo la stampa britannica sempre più volpi stanno minacciando le città: arrivano dai boschi in cerca di cibo, mangiano gli animali che trovano nei giardini, entrano nelle case, spaventano gli uomini. E presto potrebbero arrivare a uccidere i bambini. I titoli dei giornali stanno gettando il panico tra gli abitanti delle cittadine inglesi: ma secondo il quotidiano Guardian si tratta di una campagna pompata dalla lobby dei cacciatori.

In realtà l’invasione delle volpi urbane non esiste: anzi, il loro numero è in diminuzione a causa della scabbia, una malattia che ne sta uccidendo moltissime. Guardando ai fatti, poi, si evince che la volpe-mostro è una montatura scandalistica. L’esemplare che a marzo è stato trovato seduto sul letto di un bambino a Londra era affetto da scabbia allo stadio terminale. La povera volpe era entrata in casa per cercare calore e il primo posto che ha trovato è stato la stanza del bambino. L’animale non ha causato problemi, anzi era paralizzato dalla paura. Le autorità veterinarie l’hanno portato via senza alcuna difficoltà. Lo stesso vale per la volpe trovata in un armadio in un’altra città: entrata in casa in cerca di tepore, al primo rumore ha individuato un luogo buio in cui nascondersi.

Niente intenzioni omicide, insomma. Nonostante la campagna demonizzante della stampa. D’altronde, la creazione di scandali attorno alla figura della volpe non è affatto nuova. Il primo titolo di giornale che minacciava l’imminente uccisione di un bambino da parte di una volpe risale al 1973: in quarant’anni un fatto del genere non è mai successo. Perché dovrebbe accadere proprio ora? Oggi più che mai le volpi sono spaventate e inoffensive: la maggior parte di quelle che si aggirano nelle città sono addirittura malate.

Tag: animali, caccia
Condividi su
Facebook
Twitter
WhatsApp
Email

Editoriale

Editoriale
LA “LAUDATE DEUM” E I PASSERI DELL’EVANGELISTA
di Danilo Selvaggi* “Laudate Deum”, la nuova Esortazione apostolica di Papa Francesco, rappresenta un aggiornamento dell’enciclica “Laudato si”, di cui ...
Torna in alto