Non si blocchino le autoambulanze veterinarie!

Non si blocchino le autoambulanze veterinarie!

65
CONDIVIDI

In attuazione della norma del Codice della Strada da noi ottenuta due anni fa sulle ambulanze veterinarie, diritto a utilizzare lampeggiante e sirena,e del successivo Decreto Ministeriale 9.10.2012 n.217, i Ministeri dei Trasporti e soprattutto della Salute hanno scoperto che le ambulanze veterinarie esistono e che vanno in qualche modo normate.

Ecco le Linee Guida emanate oggi dalla Direzione Generale del Ministero della Salute relative alle attrezzature delle autoambulanze veterinarie e ai requisiti del personale adibito al soccorso e al trasporto degli animali http://bit.ly/1oHAgRS

Di fatto, anche con questo atto, le ambulanze veterinarie vengono divise in due categorie: quelle di mero trasporto (per le quali non è obbligatoria la presenza di un veterinario) e quelle che oltre al trasporto sono anche così adibite al soccorso (per le quali oltre al veterinario vengono rese obbligatorie alcune attrezzature particolari).

Riguardo a un punto che immagino sarà fonte di ostracismi da parte dei Servizi Veterinari Asl che non potranno/vorranno promuovere i previsti “percorsi formativi degli operatori” è evidente che in assenza di questi dovrà bastare, pena l’immobilità delle ambulanze già in servizio e quelle che potranno iniziare l’attività nei prossimi mesi, “l’adeguata formazione in merito alle misure di sicurezza e alla tutela degli animali nonché alle corrette modalità operative per svolgere la propria attività” a cura dei titolari della carta di circolazione del mezzo. Peraltro, per le autoambulanze di soccorso, viene indicato che in base a non specificata “normativa vigente” devono essere collegate a una struttura veterinarie (ci mancherebbe il contrario) “e necessitano della presenza di un medico veterinario. Ma come, per il soccorso umano, le autoambulanze pubbliche del 118 o private non hanno l’obbligo del medico a bordo e, invece, per il soccorso di un cane o di un gatto questo obbligo diventa tassativo per la presenza a bordo di un medico veterinario. Contesteremo questo punto. Perchè se in caso di chiamata il veterinario della “struttura collegata” non può andare ma solo mandare l’autoambulanza, questa non potrà uscire?!?! Anche sulla salute, basta caste.

Commenti

commenti