LEICESTER UNIVERSITY, LA TERRA È ENTRATA NELL'ERA DELLA PLASTICA

LEICESTER UNIVERSITY, LA TERRA È ENTRATA NELL'ERA DELLA PLASTICA

62
CONDIVIDI
plastica mare.jpg

I rifiuti formano un vero e proprio strato geologico

Gli oceani e le terre emerse saranno coperte da strati sempre più ampi di rifiuti plastici. Sono questi i risultati di una ricerca dell’Università di Leichester pubblicata sulla rivista scientifica Antropocene. Secondo gli studiosi la superficie terrestre sarebbe stata mutata dai rifiuti a tal punto da dare origine a una vera e propria “Era della plastica”. Jan Zalasiewicz, professore di paleobiologia dell’università spiega: “I materiali plastici si trovano ormai ovunque sulla terra, dalle cima delle montagne al fondo degli oceani. Ogni tre anni creiamo almeno un miliardo di tonnellate di oggetti di plastica. Se tutta la plastica prodotta negli ultimi decenni fosse pellicola da cucina, ce ne sarebbe abbastanza da avvolgere tutta la Terra. Con questo trend di produzione, entro la metà del secolo gli strati di rifiuti plastici aumenteranno di molto”. Lo studio suggerisce che le plastiche hanno un impatto duraturo sulla geologia del pianeta perché sono inerti e difficili da degradarsi. Come risultato, quando i rifiuti invadono l’ambiente diventano parte del suolo e finiscono spesso – tramite i fiumi – in mare dove uccidono pesci, plankton e uccelli marini.

Commenti

commenti