MAREVIVO, PRONTO DOCUMENTARIO PER PROTEGGERE LA FOCA MONACA

MAREVIVO, PRONTO DOCUMENTARIO PER PROTEGGERE LA FOCA MONACA

70
CONDIVIDI
mare.jpg

Mare sistema complesso minacciato dall’uomo

Una foca monaca dorme in apnea in una piccola cavità sommersa. Una mamma foca abbraccia il suo cucciolo. Un’altra foca monaca è fotografata, per la prima volta in Italia, dopo oltre 50 anni, grazie a una speciale foto trappola. E per la tutela di questi animali marini preziosi per l’ecosistema mare, una delle specie animali più rare al mondo e tra le creature più fragili e maltrattate del Mediterraneo, scende in campo MareVivo. Per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sorti della foca monaca, l’associazione ambientalista presenta domani a Roma, ‘Sonno Segreto’, l’ultimo documentario di Emanuele Coppola, che verrà trasmesso in anteprima a Santa Dorotea, storica parrocchia romana in Trastevere. “Le foche sono ancora presenti nel Mediterraneo e bisogna occuparsi della loro sopravvivenza. La presenza di un predatore al vertice della catena alimentare è l’unico indice sicuro e affidabile sullo stato di salute di tutto l’ecosistema e garantisce il perdurare di un giusto e sano equilibrio tra gli organismi” è l’appello lanciato da MareVivo. “Con la sua moltitudine di esseri viventi vegetali e animali, dal fitoplancton alle grandi balene, dalle praterie di Posidonia agli squali, il mare -avverte la presidente di Marevivo, Rosalba Giugni- è un ecosistema complesso il cui equilibrio è stato raggiunto in milioni di anni ed è fondamentale per la vita dell’uomo sulla Terra”. “Gli oceani, infatti, -sottolinea- non sono solo una distesa di acque salate ma producono l’80% dell’ossigeno che respiriamo e assorbono 1/3 dell’anidride carbonica, responsabile dei cambiamenti climatici”. “Ecco spiegato perché -esorta Giugni- va protetta la foca monaca, questo affascinante animale ancora non riceve l’attenzione che merita”.

Commenti

commenti